Relazioni Extraconiugali Psicologia

Relazioni-Extraconiugali-Psicologia

Se non hai mai avuto una relazione extraconiugale potrai pensare che questo genere di cose capiti soltanto ad alcune categorie di persone come la casalinga incompresa o l’uomo d’affari che viaggia.

Inoltre potresti pensare che le coppie che amano la reciproca compagnia, che comunicano bene, e hanno una buona vita sessuale sono immuni da tali problemi.

E, in un certo senso molto limitato, avreste ragione. Questo perché i matrimoni che contengono questi ingredienti positivi (come la comunicazione e la vita sessuale)  possono essere più robusti emotivamente, e quindi più in grado di sopportare alcune delle forze che possono rovinare un matrimonio.

Ma la realtà è che chiunque può essere soggetto alle tentazioni che le relazioni extraconiugali offrono, sia il commesso viaggiatore, l’insegnante di scuola materna, il pediatra del vostro bambino, o anche il sacerdote!

Storia delle relazioni extraconiugali in Italia

Statistiche affidabili sulle infedeltà sono difficili da trovare. Ciò è in parte dovuto alla natura del tema e la comprensibile riluttanza qualcuno potrebbe avere a raccontare le proprie cose.

Ma le indagini e altri dati sembrano indicare ampiamente alla conclusione che molti italiani dicono una cosa e ne fanno un’altra quando si tratta di monogamia.

Gli italiani i sono costantemente tra i più conservatori in tutto il mondo quando si tratta di atteggiamenti verso il sesso extraconiugale.

Ad esempio, l’40% degli italiani contro il 36% dei russi crede che il sesso extraconiugale è “sempre sbagliato”. Eppure stime di uomini italiani coinvolti in relazioni extraconiugali vanno dal 25% al 68%; stime per donne variano dal 13% al 58%. A questo si aggiunge la statistica che il 78% degli uomini e 34% delle donne dicono che avrebbero avuto una relazione adulterina con la garanzia di non essere mai scoperti!.

Per mettere questo in prospettiva storica  illustrare l’impatto del posto di lavoro sull infedeltà, un sondaggio 2015 condotto dalla rivista “YellowBook”, ha rivelato che il 38% delle donne sposate aveva avuto una relazione.

Ma quando questo numero è stato ripartito per le donne nel mondo del lavoro contro le donne casalinghe, è diventato chiaro che il posto di lavoro offre ampie opportunità per le donne di realizzare relazioni extraconiugali. Il 30% di casalinghe contro il 47% delle mogli lavoratrici aveva avuto affari extraconiugali.

Mentre il posto di lavoro è stata storicamente l’arena in cui gli uomini hanno condotto i propri tradimenti, una tendenza interessante è la decisione cosciente di giovani donne single di scegliere uomini più anziani uomini sposati con cui lavorano.

Ciò è dovuto non solo al prestigio, potere, e dei mezzi finanziari di questo gruppo di uomini, ma di un desiderio, da parte di queste giovani donne di concentrarsi sulla carriera.

Il coinvolgimento con un uomo sposato riduce la probabilità che il rapporto porti al matrimonio ( e vorrei ben vedere), e limita la quantità di tempo e di energia, che si devono dedicare alla relazione extraconiugale, liberando tempo in tal modo da concentrarsi sulla carriera.

Quando diciamo ” ‘finché morte non ci separi”, vogliamo crederci veramente Ma con tutte le prove della vita ed altre forze che entrano in gioco, forze che possono potentemente contrastare le nostre intenzioni più positive può diventare difficile. In queste forze ed elementi possiamo includere i luoghi di lavoro, così come la naturale evoluzione dei rapporti coniugali.

Gli stereotipi delle relazioni extraconiugali: Manca qualcosa al tuo matrimonio?

Uno degli stereotipi più comuni circa gli le storie adulterine è che esse sono causate da una mancanza di una cosa o un’altra in un matrimonio.

 Una moglie, per esempio, può sentire che il marito le da attenzioni o non la apprezza. Un marito può sentirsi frainteso, o può sentire che sua moglie ha perso interesse per il sesso come lo si faceva una volta. O entrambi possono sentire che non sono più in grado di comunicare o che semplicemente non hanno più interessi comuni. E quando i bambini sono cresciuti e hanno lasciato la casa, questa mancanza di un terreno comune può diventare un abisso tra marito e moglie.

Un altro stereotipo è che un coniuge ha incontrato qualcuno che è superiore, in qualche modo, qualcuno che meglio soddisfa le loro esigenze e desideri.

Come la nuova segretaria molto attraente. Un marito immagina che l’uomo con cui è infatuato sua moglie è un uomo di successo molto piu’ di lui.

 L’elenco potrebbe continuare all’infinito, ma il messaggio è lo stesso. Il partner extraconiugale eccelle nelle cose che contano, aspetto, sex appeal, la personalità, l’educazione, la ricchezza etc.

Nella nostra società dei consumi, in cui cerchiamo la soddisfazione dei nostri desideri a tutti i costi cadiamo in preda a l’idea che qualcuno più adatto ci attende sempre  là fuori e che puo’ farci pi’ felici, praticamente non ci accontentiamo mai!

 Ma, facciamo un passo indietro e dare un’occhiata a certi cambiamenti nella società contemporanea, così come le realtà del matrimonio.

Nel corso dell’ultimo mezzo secolo, le donne sono entrate con forza nel mondo del lavoro e in numero sempre crescente. Nell’economia di oggi, è quasi un lusso per una donna (o un uomo) di rimanere a tempo pieno in casa e crescere i figli.

E così le donne e gli uomini sono abituati a lavorare a stretto contatto uno con l’altro, in particolare per quanto le femministe hanno continuato a spingere per la partecipazione piena e paritaria nei luoghi di lavoro cosa ovviamente giusta ma pericolosa.

La realtà è che molti uomini e donne passano più tempo con i loro colleghi di quanto non facciano con i loro coniugi. Si impegnano in più conversazione su sia il lavoro e le questioni non legate al lavoro. L’intensità emotiva di richieste sul posto di lavoro può contribuire a creare forti legami affettivi.

Perché finisce un matrimonio

E la verità è che, senza sforzo cosciente, i matrimoni possono finire.

L’euforia e la forte attrazione sessuale che una volta abbiamo sentito per il nostro partner rischiano di svanire nel tempo. Il matrimonio diventa routine. La giovane donna sexy durante l’università diventa mamma preoccupata. Il ragazzo spensierato che andava a fare trekking ora si preoccupa solo di far campare la famiglia. Ci accomodiamo tutti nei nostri ruoli e routine, che tendono ad essere prevedibili e persino noiosi.

Psicologia delle relazioni extraconiugali

Così, le relazioni extraconiugali – a primo acchito almeno – ci danno la possibilità di occupare un ruolo diverso da quello del “solito” coniuge. E questo sembra essere il caso anche nei matrimoni che funzionano.

I terapeuti che lavorano con le coppie che hanno avuto a che fare con l’infedeltà spesso si sentono dire che la vicenda ha davvero nulla a che fare con il matrimonio, gli sposi sono i migliori amici, si amano e vogliono che il matrimonio continui (non sempre ovviamente).

 Ma il partner extraconiugale occupano il ruolo di amante, che è lontano dal ruolo di marito o moglie.

Quello che accade è probabile ciò che Pegg Vaugan definisce “una versione speciale dei loro aspetti migliori, libera dalle responsabilità normali coinvolti nella condivisione di una situazione di godimento soltanto, e visto che i ruoli e la struttura della vita familiare crea molte restrizioni e responsabilità  non è tanto un rifiuto del compagno come un rifiuto di queste restrizioni di ruolo. “

Quando può accadere un tradimento

Infine, mentre le relazioni extra possono verificarsi in qualsiasi fase di un matrimonio, ci tendono ad essere momenti “di punta”, quando il matrimonio è più vulnerabile.

Il primo anno di matrimonio può essere turbolento, pieno di dubbi sul fatto forse si è fatto un errore nella scelta.

 Le relazioni extraconiugali in questa fase tendono ad essere di breve durata e possono comportare una breve rincontro con un ex fidanzato o fidanzata.

 L’arrivo del primo figlio rappresenta un importante punto di svolta nella relazione di coppia. Il pericolo è che un genitore, di solito la madre, sia così completamente assorbito dalle gioie e le sfide della genitorialità che l’altro coniuge si sente emarginato e trascurato.

La famigerata “la crisi del settimo anno” corrisponde grosso modo a quando l’iniziale “contratto psicologico” tra i partner è stata soddisfatto.

Questo si riferisce all’idea che noi scegliamo i nostri partner perché soddisfano determinati bisogni emotivi residuali, bisogni che sono rimasti insoddisfatti fin dall’infanzia. Molte di queste esigenze possono essere soddisfatte durante i primi anni di matrimonio ecco quindi da dove nasce la crisi del settimo anno.

Per avere un matrimonio prospero  la coppia ha bisogno di rinegoziare i termini del rapporto emotivo. Che cosa è che abbiamo bisogno l’uno dall altro ora, che non avevamo inizialmente?

Di Che cosa non abbiamo più bisogno? Queste sono le domande da farsi in una crisi extraconiugale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *