Dating Online: Tutto quello che devi sapere


DATING ONLINE

Il dating online non è più uno sconosciuto, né un luogo di sfigati senza possibilità nella vita reale: assolutamente no. 

Oggi trovare l’amore online (o uomini, ovviamente) è un modo come un altro per trovare un’amicizia o qualcosa in più, magari un amante occasionale o addirittura l’amore della vita. 

A dirlo non siamo solo noi, ma i fatti. In particolar modo i dati degli ultimi anni e, ancor più degli ultimi mesi, segnali che qualcosa è profondamente cambiato nel modo di approcciarsi all’altro e che non si tornerà più indietro.

Scopriamo, allora, qualcosa in più sull’argomento:

  • Dating online: basta tabù 
    • Un posto democratico
    • Il boom durante il lockdown
  • Da dove iniziare?
    • Social network
    • Siti ed app per rimorchiare 
    • Siti di incontri
  • Conoscere donne in rete (e uomini): sì, ma che non diventi dipendenza

Dating online: basta tabù 

Nell’arco dei secoli, il modo di conoscere un potenziale partner è profondamente mutato, anche se l’accelerata decisiva è stata approntata nell’ormai secolo scorso. 

Complici le nuove tecnologie, ma anche una nuova presa di consapevolezza relativa all’emancipazione sessuale e a quella femminile, che ha condotto alla caduta dei tabù inerenti. 

Il dating online ha così trovato il suo posto al sole, all’inizio come unica carta possibile per gli sfigati senza redenzione amorosa e/o sessuale, poi come un gioco per i più, infine come un modo interessante e rapido per conoscere uomini e donne affini a sé.

È un fenomeno sociale da intendere in maniera positiva, che può svilupparsi attraverso l’utilizzo di siti di incontri per single, siti per tradimenti, siti per incontri sessuali o portali per trovare l’anima gemella, a seconda di ciò che si cerca.

Un posto democratico

Il web, per molti aspetti, è un luogo democratico. È qui sono partite le principali iniziative LGBTQIA, ad esempio, ma è anche un luogo ricco di community che consentono di entrare in connessione con chi ha determinate passioni ed interessi vuoi per curiosità, vuoi per educarsi e conoscere, ma anche per entrare a far parte di taluni ambienti.

In tal senso, basti pensare a chi ama le pratiche erotiche BDSM, che magari al primo accenno dei propri gusti sessuali si vede periodicamente rilanciare un bel due di picche: cosa che invece non accade, se si fa conoscenza con persone con la medesima visione erotica. 

Da qui, anche l’esigenza di frammentare l’offerta del dating online o, meglio, di specializzarla in base alle preferenze degli utenti. Sono sorti così siti di incontri per gay,  dei rapporti anali, amanti del BDSM, legati ad una specifica religione, di genitori single, over 50 e via dicendo: luoghi democratici, dove ciascuno è libero di essere se stesso, pienamente e senza pregiudizio.

Il boom del Dating Online durante il lockdown

Durante i vari periodi di lockdown che si sono succeduti, l’isolamento personale forzato ha spinto le persone ad avvalersi della tecnologia come unico possibile mezzo di connessione. 

Conoscere donne in rete è diventata una delle ricerche più gettonate dai motori di ricerca, seguita – ovviamente – dalla versione al maschile ricercata dal gentil sesso. 

Nel libro “Amori 4.0” delle psicoterapeute Amalia Prunotto, Maria Letizia Rotolo e Diana Vannini si parla – fra le varie cose – di come il dating online sia stata una delle pratiche quotidiane di chi, bloccato in casa da solo, cercava un modo per interagire con qualcuno, nella speranza di coltivare anche un sentimento.

In pratica, il dating online ha rappresentato un vero e proprio sostegno psicologico durante la fase della pandemia che ha inciso, ancor più, sulle dinamiche e l’approccio all’amore ed al sesso di varie generazioni, modificando le abitudini dei giovani e meno giovani fino a quel momento ancora radicate. 

Secondo le psicoterapeute autrici del libro, la forza del conoscere persone online sta anche nella certezza di avere molte più chance rispetto ai tradizionali incontri con amici di amici et similia, accorciando altresì i tempi della dinamica conoscitiva. 

Diciamo che il lockdown ha solo affermato, in maniera definitiva e potente, un fenomeno la cui crescita era già attiva e galoppante, un nuovo modo di connettersi, più rapido, semplice ed inclusivo, adatto dai 18 anni in su, senza limite e dalle infinite possibilità. 

Da dove iniziare?

Secondo una ricerca della Business School dell’Imperial College di Londra, nel 2037 ci saranno più bambini nati da coppie che si sono conosciute online, che da coppie “tradizionali”. 

Tale affermazione fa intendere alla perfezione che il modo di approcciarsi all’altro è completamente cambiato e lo sarà sempre più, figlio del suo tempo, che sfrutta tutte le occasioni possibili per concedersi la felicità di coppia (o del sesso occasionale, dipende). 

Ma per chi ancora non è immerso in questa nuova dinamica, da dove iniziare?

Social network

I più semplici ed immediati, anche perché ormai tutti abbiamo un account su di uno o più social network. 

Peccato, però, che non siano propriamente il massimo per trovare persone interessate ed interessanti, in quanto si rischia di sembrare dei molestatori digitali: non è questo il posto giusto per trovare l’anima gemella! 

Certo, è stata lanciata la piattaforma di Facebook Dating, ma è ancora una versione molto acerba e di certo non ha il medesimo successo di altre piattaforme. O, almeno, non lo ha ancora: staremo a vedere.

App per rimorchiare 

Sono le predilette da ogni fascia di età, facili da usare, si scaricano in un attimo e ti aprono un mondo di avventure potenziali.

Certo, non si trova certamente il cavalier servente del caso o la principessa dei sogni, ma sono più orientate ad un’utenza mordi e fuggi, che vuole conoscere una donna o un uomo in rete ed avere una notte di passione. E poi ciao, ognuno per la sua strada. 

Chiaramente, può accadere che da cosa nasca cosa, ma non è la prassi.

Siti di incontri

A seconda del sito di dating online che si sceglie, si punta ad uno o all’altro obiettivo: trovare l’amore o trovare un amante. 

Diciamo che sono la soluzione perfetta per ogni persona che desidera entrare nel mondo degli incontri online e farlo con il proprio passo, trovando sì tante persone, ma selezionando con attenzione verso chi rivolgersi.

Conoscere donne in rete (e uomini): sì, ma che non diventi dipendenza

Secondo una ricerca pubblicata sul sito Statista, circa il 49% degli americani utilizza app e siti di dating online per trovare un’anima gemella romantica, mentre il 23% è più interessato ad avventure sessuali occasionali. 

A livello globale, si stima che entro il 2024 ci saranno ben 276.9 milioni gli iscritti ai siti di incontri: insomma, numeri davvero da capogiro! 

Eppure, proprio la semplicità di utilizzo di queste piattaforme può far cadere in una vera e propria dipendenza dallo swipe, dall’appuntamento da avere a tutti i costi, da quel tizio o tizia da far assolutamente capitolare ai propri piedi. 

Non divenire degli addicted è semplice: basta moderarsi e sapere quando è il momento di darsi un freno, uno stop per rimettere insieme le idee e, soprattutto le priorità e gli obiettivi. Poi, naturalmente, si può riprendere con nuova e più spiccata determinazione!