Scappatelle Extraconiugali

By | luglio 18, 2018

Scappatelle-Extraconiugali

Le scappatelle extraconiugali: un segno di una società che cambia, oppure una semplice moda?

Noi di solito ci occupiamo di argomenti inerenti ai single, ma questo tema merita senza ombra di dubbio un approfondimento: oltre ad essere particolarmente affascinante, è anche ricco di spunti e di consigli da regalare!

Questo perché i tradimenti extraconiugali, almeno in Italia, sono sempre più diffusi: non fanno distinzione in quanto a sesso, dato che donne e uomini tradiscono i rispettivi partner allo stesso modo.

Una sorta di “par condicio” che deve dunque spingerci ad una riflessione: cosa ci ha reso il popolo europeo delle corna per eccellenza? E come si può tradire un marito o una moglie, senza farsi cogliere con le mani nella marmellata?

Le scappatelle extraconiugali: l’Italia un paese di traditori

Secondo le statistiche di settore, stilate da centri professionali, è proprio l’Italia a vincere la classifica europea dei paesi di chi mette le corna. Stando alle rilevazioni, infatti, è emerso che più della metà della popolazione italiana tradisce (o ha tradito in passato) il proprio compagno.

La percentuale è impressionante: il 58% degli italiani mette o ha messo le corna al proprio marito o alla propria moglie. Siamo letteralmente speciali in questo: gli unici che si avvicinano alle nostre medie e percentuali sono gli spagnoli, con un tasso di tradimenti pari al 53%.

È una questione che affascina: persino AdnKronos si è occupata di questo argomento, segnalando che il 20% circa delle ricerche di mercato vengono rivolte proprio verso il comparto delle scappatelle extraconiugali. Non è un caso che sul web siano nati tantissimi portali per colmare questa lacuna così gettonata (e ricca).

Qual è la situazione dei tradimenti in Europa?

L’Italia, pur essendo la numero uno, non è comunque sola: la classifica stilata in merito ai paesi traditori include, infatti, tanti altri nomi noti, alle volte autentici insospettabili. Sulla Spagna era facile prevedere questo risultato: insieme alla Penisola, è lei la più “caliente” di tutte, lenzuola comprese.

Anche in Francia e in Germania pare che i tradimenti siano una realtà molto viva: si parla, infatti, di una percentuale rispettivamente pari al 49% e al 48%. Seguono altri paesi come il Belgio, la Gran Bretagna e l’Austria, con percentuali comprese fra il 45% e il 40%. In fondo alla classifica, invece, troviamo i paesi nordici: qui si tradisce decisamente meno rispetto agli altri, con uno stacco anche di -20 punti percentuali.

Perché gli italiani amano le scappatelle extraconiugali?

Gli italiani tradiscono, e questa è oramai una verità conclamata: per quale motivo, però, tradiscono più degli altri? Per via della nostra indole prettamente libertina, che pare essere più forte di qualsiasi altra cosa.

Naturalmente, caso per caso, i motivi che spingono verso le storie extraconiugali possono essere molto diversi: c’è chi tradisce per noia, chi tradisce per fare del sesso diverso dal solito, chi fugge così dal proprio matrimonio, e chi vive il tradimento come una vera e propria passione o lavoro a tempo pieno.

C’è chi ama il brivido della sfida, le incognite delle corna e chi letteralmente gode del rischio di essere scoperto. C’è anche chi non tradirebbe mai, ma che viene colto da pulsioni irrefrenabili in momenti altrimenti insospettabili: in questi casi si tradisce una volta sola ma, quella singola volta, vale tutto il prezzo del biglietto!

Il digitale aiuta a mettere le corna

Fra i motivi che spingono gli italiani a cornificare i propri partner di più rispetto al passato, c’è il digitale: Internet, infatti, rappresenta un vero e proprio paradiso terrestre per i traditori.

Il merito di questa facilità d’azione va indubbiamente ai siti per incontri extraconiugali : si tratta di portali dove basta l’iscrizione, per poter trovare migliaia di potenziali partner. Qui la privacy viene garantita al 100%: è possibile consumare la propria scappatella extraconiugale senza conseguenze negative.

È bene approfondire l’argomento, come una sorta di “antipasto” per spiegarti le regole del tradimento perfetto.

sito di incontri extraconiugali

sito di incontri extraconiugali

Quali sono le principali caratteristiche di questi siti di incontri? Ci si iscrive con l’anonimato, utilizzando un nickname e cominciando a sondare cosa offre il “mercato”. Non è possibile risalire all’identità dell’utente, a meno che non sia lui stesso a diffonderla. Ad esempio, è impossibile trovare gli utenti iscritti digitando il loro nome e cognome da motori di ricerca come Google.

Questo perché solo gli utenti interni del sito possono navigarne le pagine, e comunque il nome non viene mai specificato all’interno dei profili delle utenze.

Puoi comunque scoprire tutti i vantaggi degli incontri extraconiugali online leggendo questo articolo  ti assicuriamo che ne vale la pena, e che troverai tanti spunti utili per provare le suddette piattaforme.

Guida alle scappatelle extraconiugali

scappatella extraconiugaleNon basta iscriversi ad un sito di incontri, per avere la totale certezza di non essere scoperti dai partner: specialmente quando sono sospettosi per natura, e tendono a ficcare il loro naso qui e là. Ecco perché abbiamo deciso di fornirti una interessantissima guida sulle scappatelle extraconiugali, per formarti e per farti diventare un vero traditore professionista.

Qual è il primo consiglio? Prendere la “scopa” e fare piazza pulita di tutte le tracce elettroniche che hai lasciato in giro.

Innanzitutto assicurati sempre di cancellare la cronologia dal browser, e di navigare in forma anonima usando l’apposito servizio di Google. Questo non ti renderà invisibile, ma almeno ti aiuterà a non finire nei suoi registri.

Se vuoi avere la certezza di navigare nel totale anonimato, puoi noleggiare un servizio come la connessione VPN: al costo di pochi euro al mese, eviterai di lasciare in giro il tuo IP.

Naturalmente dovrai cancellare le tue tracce da qualsiasi dispositivo che hai usato per navigare sui siti di incontri, o per cercare partner in altri modi. Non solo il PC fisso, ma anche lo smartphone, il tablet e ovviamente il laptop. Cancellando la cronologia, avrai la certezza che tuo marito o tua moglie non troveranno mai niente di scottante.

Inoltre, a proposito di tecnologia e di digitale, assicurati anche di disabilitare l’opzione di salvataggio automatico delle password: non solo per i siti di incontri, ma anche per i social più gettonati come Facebook. Così facendo, impedirai a chiunque di andare a ficcanasare lì dove non dovrebbe.

In questo modo, il semplice sospetto di un tradimento inizierà e morirà lì: senza una prova concreta del fattaccio, il tuo coniuge non potrà mai dirti nulla.

La regola? Negare sempre e comunque

Naturalmente, non è detto che basti l’assenza di qualsiasi prova per metterti al sicuro. Spesso i mariti e le mogli se le inventano, pur di metterti sotto pressione: cominciano ad attaccarti, ad accampare prove immaginarie, cercando così di farti crollare. Tu dovrai sempre tenere botta e non confessare mai nulla, e lo stesso devi fare anche di fronte a prove concrete e indiscutibili.

La prima regola del traditore professionista, infatti, è negare: negare ad ogni costo, anche di fronte alla palese evidenza. Il motivo? È una forma di manipolazione psicologica: se negherai con veemenza e convinzione, potrai riuscire a convincere il tuo partner della tua innocenza, salvandoti da una situazione altrimenti drammatica.

Come tradire senza farsi scoprire?

Quando avrai pescato una opportunità dal mare dei siti di incontri extraconiugali, dovrai procedere con l’organizzazione dell’incontro vero e proprio. Fallo cancellando le tracce da computer e cellulare, come ti abbiamo già spiegato, ma fallo anche con intelligenza organizzativa.

Innanzitutto non è mai il caso di organizzare questo incontro nella tua città: meglio spostarsi di qualche chilometro, per evitare incontri fortuiti con persone che potrebbero conoscere te o il tuo coniuge. Il luogo perfetto per tradire? Ovviamente gli hotel.

Quelli peggiori? Casa tua! Anche se tua moglie o tuo marito sono partiti per lavoro o per altri impegni, non azzardarti mai a organizzare l’incontro usando la tua abitazione come riferimento, perché i rischi sono enormi.

In primo luogo rischierai di farti scoprire da vicini, familiari o amici giunti in visita. Inoltre, svelando il tuo indirizzo, metterai a serio rischio la tua privacy: chi ti dice che il tuo partner non userà quell’informazione per ricattarti?

È un pericolo che non puoi assolutamente permetterti di correre. Infine, lascia perdere le cene al ristorante, i cinema e altre amenità pre-serata: non fanno parte del menu del tradimento, e potrebbero farti scoprire. Qui trovi un nostro approfondimento in materia.

Mantieni il segreto, scegli per bene

L’uomo sa essere un fesso, soprattutto quando si parla di donne e di incontri: questo perché potrebbe emergere la voglia di vantarsi con gli amici o di raccontargli questa esperienza. È un errore madornale, perché rischieresti che la voce possa giungere alle mogli dei tuoi amici, e di riflesso a tua moglie.

Naturalmente devi anche scegliere delle partner che siano distanti anni luce dal tuo mondo: non devono conoscere la tua vita, le tue amicizie né tanto meno tua moglie!

Inoltre, la “selezione all’ingresso” è indispensabile anche per un altro motivo: se non sceglierai un complice sano di mente, rischierai che possa trasformarsi in uno stalker. Una donna che viene sedotta e poi abbandonata, se non ha chiare in mente le regole del gioco dei tradimenti, potrebbe poi pretendere di più da te.

Potrebbe addirittura metterti spalle al muro, quando deciderai di chiudere le vostre scappatelle extraconiugali: se lascerai la persona sbagliata, potrebbe minacciarti e ricattarti.

Questo in realtà potrebbe accadere comunque, ma saranno minacce destinate a cadere nel vuoto, se sarai stato bravo a cancellare qualsiasi traccia e a mantenere intatta la tua privacy. In realtà è un rischio che in minima percentuale correrai comunque: se hai deciso di tradire, però, sai già a cosa vai incontro.

Altri consigli per non farsi pizzicare

Oggi ti abbiamo presentato una guida sulle scappatelle extraconiugali molto completa, e arricchita anche da alcuni dati e considerazioni molto interessanti. Considera, però, che il manuale del perfetto cornificatore non può esimersi da una delle regole più importanti: la capacità di pianificare un tradimento alla perfezione.

Oltre a stabilire il luogo, dovrai infatti programmare qualsiasi mossa della tua operazione. Tradire, infatti, è un po’ come giocare a scacchi: se saprai come prevedere qualsiasi opzione, di sicuro avrai maggiori chance di uscirne illeso.

Dunque ecco il nostro consiglio finale: organizzati in modo perfetto con gli orari, fissa l’incontro in un luogo distante da casa e anonimo, e fallo coprendo sempre le tue uscite con scuse che suonino credibili (appuntamenti di lavoro e via discorrendo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *