Esagerare Con Gli Incontri Online: ODAD

Esagerare con gli incontri online non è mai consigliabile: questo perché possono diventare delle vere e proprie droghe, causando una autentica dipendenza da dating online.

Non a caso questo disturbo ha un nome e un cognome. È l’Online Dating Anxiety Disorder (ODAD) : una condizione che riguarda tanti italiani giovani o meno giovani, e che in generale si ritiene essere piuttosto diffusa in tutte le grandi nazioni europee ed extra-europee.

Una premessa sugli incontri online

La maggior parte delle persone usa gli incontri online  partendo da intenzioni piuttosto chiare: ovvero conoscere un partner meraviglioso con il quale condividere una notte di sesso o tutta la vita. Una persona non dipendente, dunque, approccia questi siti e cerca quanto prima di portare la conoscenza del partner nel mondo reale.

Di conseguenza, i siti di incontri per single rappresentano solo un canale temporaneo, destinato ad essere abbandonato una volta raggiunto lo scopo. Non a caso molti lodano queste piattaforme proprio per questa ragione: sono strumenti digitali estremamente rapidi ed efficaci, ed il loro obiettivo in fondo è esattamente questo.

Purtroppo non sempre i siti web di questo tipo vengono approcciati nel modo giusto. Esistono anche uomini e donne che preferiscono rimanere online su queste piattaforme, evitando dunque di abbandonarle per una questione di dipendenza.

Il problema è che, purtroppo, tutto questo succede più spesso di quanto potremmo immaginare. Qual è il motivo che spinge questi utenti a rifiutare la felicità pur di rimanere ancorati a Internet e al dating online?

Dipendenza da Internet: perché avviene?

La risposta è più semplice di quanto si possa pensare. Con gli appuntamenti sul web, hai di fatto a tua disposizione una serie di scelte e di opzioni infinite. Molti uomini, non a caso, pensano di poter trovare una donna più bella al prossimo “click”. Della serie: ritenta e magari sarai più fortunato.

Il problema non è tanto questo: è normale frequentare questi siti e non fermarsi alle prime conoscenze digitali. Tutti noi vogliamo trovare qualcuno che sia davvero adatto ai nostri bisogni, alle nostre esigenze e ai nostri obiettivi di vita. Ovviamente, è raro che tutto questo capiti al primo colpo.

Il problema potrebbero essere le aspettative di chi pare dipendere dal web: le suddette sono altissime, volutamente improponibili, tali da spingere qualsiasi donna a non rispondere alle richieste. Anche in questo caso, però, non si tratta di nulla di “speciale”: è sicuramente un problema, ma comunque molto diverso dall’ODAD.

In tal caso il disturbo è di natura “percettiva”, dato che chi cerca una modella difficilmente ha una corretta cognizione di se stesso. Non si tratta, comunque, di dipendenza online.

Internet e dipendenza: un’arma a doppio taglio

Cominciamo ad entrare nel cuore del nostro articolo, così da analizzare il perché esagerare con gli incontri online può causare dipendenza. Innanzitutto può emergere una vera e propria ossessione per il controllo: l’interfaccia del sito diventa quasi come un occhio del Grande Fratello di orwelliana memoria.

L’utente dipendente brama la gestione della sua interfaccia, attraverso la quale può “spiare” tantissime persone diverse. Di fatto comincia a frequentare questi siti solo per questo motivo, standoci alle volte per decine di ore di fila.

Il tutto viene esasperato dall’abbondanza di scelte: chi dipende dal dating online, non riesce mai a concentrarsi su una sola chat. Cerca in tutti i modi di attivarne un numero sempre maggiore e, quando ottiene un riscontro da una donna, pensa che sia sempre meglio passare alla prossima.

Il tutto perché, dietro alla nuova chat, potrebbe nascondersi una ragazza migliore. È come un gatto che si morde la coda, che danneggia se stesso e che viene distratto da una vera e propria forma di dipendenza.

L’utente che non riesce a staccarsi dai siti di dating online, fra l’altro, è spesso un cacciatore: ama rincorrere le prede, stanarle e poi passare alle successive.

Proprio come un cacciatore professionista, questi uomini diventano quasi dei collezionisti: attivano una chat e la abbandonano subito dopo, perché temono di perdere occasioni più preziose e prede più gloriose. In sintesi, la ricerca viene sviluppata su un unico obiettivo: trovare la donna perfetta, che ovviamente non esiste e non esisterà mai.

I segnali della dipendenza dagli incontri online

Come sicuramente saprai, una persona dipendente è la prima a sostenere questo pensiero: può capitare agli altri, ma io sono totalmente padrone di ciò che sto facendo.

È un meccanismo che spesso si attiva nelle persone che soffrono di qualsiasi tipologia di dipendenza: dalle droghe all’alcool, passando per il sesso. Ciò capita anche con gli utenti che non riescono ad uscire dal giro degli incontri digitali. Spesso dipende dalla scarsa presenza di forza di volontà. Quali sono, dunque, i segnali che ti dicono che sei ufficialmente dipendente dal dating online?

Se controlli in modo compulsivo la tua casella di posta elettronica, sia essa nel client o all’interno dei siti, significa che non sei più in grado di controllarti. È una vera e propria mania ossessivo-compulsiva che va ben oltre il semplice entusiasmo per un messaggio ricevuto da una donna.

Anche l’abuso nell’invio dei messaggi di posta è un chiaro segnale di dipendenza: se spendi ore intere a inviare email e a chattare, vuol dire che hai un problema. Lo stesso dicasi quando trascorri un tempo infinito a fare nuove ricerche di profili, nella speranza che ad ogni colpo di “refresh” si materializzino donne a pioggia.

Chiaramente i segnali più chiari e preoccupanti della dipendenza da incontri online, sono quelli che si riversano sulla tua vita sociale. Se smetti di uscire di casa incollandoti al PC, il tutto rinunciando ad un’uscita con gli amici o con le amiche, di certo non è un bel segnale.

Il problema potrebbe diventare anche più grave: magari sei riuscito ad organizzare un incontro dal vivo, però durante la cena non fai altro che pensare alla nuova ragazza con la quale hai cominciato a chattare da poche ore. Oppure organizzi un vero e proprio calendario settimanale degli incontri, solo per dar spazio alla scusa di conoscere nuove ragazze online. Perché poi, una volta giunto faccia a faccia, perdi qualsiasi barlume di interesse.

Un ultimo segnale è forse uno dei più preoccupanti e significativi: perdi totalmente interesse per le donne conosciute al di fuori delle chat per single. In pratica, se non la conosci online non ti interessa: al punto da non attrarti nemmeno fisicamente, anche se si parla di una bellissima ragazza.

Non è poi così strano, visto che la tua dipendenza è tutta rivolta verso queste piattaforme di incontri. Se ti ritrovi ad una festa o in un locale, circondato da belle donne, chiediti se stai provando qualcosa: se non senti nulla, il problema è serio.

Questa dipendenza esiste sul serio o è una bufala?

Purtroppo le dipendenze di “nuova concezione” impiegano del tempo per essere riconosciute ufficialmente dalla psichiatria. Nel mentre, si tende a dire che in fondo si tratta solamente di bufale passeggere.

Questo perché una persona fatica a definire “dipendenza” una situazione derivante da elementi astratti: è molto più facile considerare cause di dipendenza fattori come le droghe e l’alcool. Per questo motivo, per tanti anni, la dipendenza da Internet  è stata sottovalutata: alle volte con conseguenze tragiche. Ora anche la dipendenza dal dating online rischia di seguire il medesimo percorso oscuro.

E invece non è così, perché l’ansia da dating online è reale, e si manifesta ogni qual volta ci ritroviamo ad utilizzare strumenti votati alla comunicazione digitale: non solo i siti di appuntamenti, ma anche i social come Facebook, e ovviamente le app di messaggistica istantanea come WhatsApp.

L’ODAD può essere travolgente, fino a causare un malessere fisico molto accentuato. È una forma di ansia che si basa non solo sulla ricerca compulsiva di nuovi profili o sull’invio velocissimo di messaggi, ma anche sull’attesa.

Anzi, è proprio l’attesa a rappresentare, per il dipendente, un momento di sofferenza totale: aspettare una risposta che non arriva, avvertendo i secondi come se fossero ore, può spingere a veri e propri attacchi di crisi d’ansia.

Ma l’ansia si manifesta in mille modi diversi: tutte le volte che esci con gli amici o con le ragazze conosciute in chat, ti attacchi al telefonino per vedere chi ti sta scrivendo o se quel qualcuno è online in quel preciso istante.

Come ti abbiamo già detto, si riscontra una totale perdita di interesse per il contesto sociale, anche quando ci sono belle donne in mezzo.

La dipendenza da smartphone diventa una gabbia tremenda: lo si controlla in ogni istante, non si dorme per l’ansia dell’attesa di un messaggio, e uscire da questo circolo vizioso sembra quasi impossibile. Questo perché scattano una serie di reazioni automatiche allo stimolo dato da questa “droga virtuale”, distruggendo ogni barlume di lucidità.

ODAD e smartphone: la dipendenza è mobile

La dipendenza è mobile, qual piuma al vento. Dato che viviamo nell’epoca degli smartphone e delle app, l’utente che soffre di ODAD ha mille opportunità per alimentare la propria dipendenza. È come se un drogato avesse accesso ad un infinito magazzino di anfetamine (perdonandoci il paragone davvero fuori luogo).

Grazie al telefonino è infatti possibile gestire in simultanea qualsiasi profilo social esistente, e farlo ad ogni minuto del giorno. Il risultato è che si perde totalmente la cognizione del tempo, e ogni altro elemento passa subito in secondo piano.

Come uscire dalla dipendenza da incontri su Internet?

Esagerare con gli incontri online potrebbe portarti sull’orlo dell’ODAD, o comunque molto vicino. Prima di cadere nella trappola, devi imparare a limitare il tempo speso sui siti di incontri per single. Ciò vuol dire che devi uscire di casa, frequentare persone nel mondo reale e curare in primo luogo la tua socialità e i tuoi rapporti con gli altri (familiari inclusi).

Puoi organizzarti fissando dei limiti: ad esempio massimo 20 minuti al giorno di chat di incontri. Così imparerai a riconoscere nuovamente il valore della vita reale e a staccarti dal web, mantenendo però attiva la ricerca delle ragazze.

Impara anche a staccarti dal telefonino: comincia a usarlo il meno possibile, e vedrai che comincerai a guardarlo con occhi diversi. Puoi anche lasciarlo a casa: intere generazioni sono riuscite a sopravvivere senza lo smartphone.

Se invece non riesci proprio a farne a meno, e se la tua volontà viene annientata del tutto dalla dipendenza, la soluzione è una e una soltanto: ammettere a te stesso che hai un problema, condividerlo con i familiari, e recarti in visita da uno psicologo professionista.

Non vuol dire che sei “matto” o altro, ma che hai semplicemente bisogno di un aiuto professionale per ritrovare la rotta maestra. È un consiglio che ti conviene seguire, perché chi non riesce a domare da solo la propria dipendenza, ha sempre il bisogno di un supporto specialistico.

È un sistema molto fruttuoso, perché imparerai a renderti conto che tutto dipende dal tuo cervello, e che con il tempo e con l’analisi riuscirai ad avere il totale controllo di ciò che sei.